Lo Scoppio del Carro a Firenze per Pasqua

Lo Scoppio del Carro

Un'antica tradizione popolare che si tramanda da oltre nove secoli.

Nel periodo di Pasqua a Firenze, così come nei suoi dintorni, ci sono un gran numero di cose da vedere e da fare. Ma soprattutto torna l'appuntamento con lo Scoppio del Carro, un'antica tradizione popolare fiorentina che si tramanda da oltre nove secoli.

Appuntamento immancabile e suggestivo, oltre che rigorosamente gratuito, lo Scoppio del Carro affonda le proprie radici in eventi di natura in parte storica e in parte religiosa. Secondo la tradizione risale addirittura ai lontani tempi della prima crociata, quando il leggendario cavaliere fiorentino Pazzino de' Pazzi riuscì a salire per primo sulle mura di Gerusalemme e ad innalzarvi il vessillo crociato: un’impresa eroica per la quale venne ricompensato dal comandante Goffredo di Buglione con tre schegge di silice provenienti dal Santo Sepolcro.

Rientrato a Firenze il 16 luglio 1101, il valoroso cavaliere fu accolto con grandi e giubilanti onori. Secondo gli storici i crociati si radunarono il giorno del Sabato Santo nella Chiesa della Resurrezione e consegnarono a tutti il fuoco benedetto come simbolo di purificazione. Le tre pietre, oggi conservate nella Chiesa dei Santi Apostoli, furono utilizzate proprio per accendere il fuoco santo. A questa cerimonia risale l'usanza pasquale dei fiorentini, che usavano recarsi in cattedrale per accendere una piccola torcia dal fuoco santo per poi andare in processione per la città e portarlo in tutte le case.

Con il passare del tempo lo svolgimento della festa è diventato sempre più articolato e la cerimonia si è trasformata in una specie di spettacolo pirotecnico di carattere religioso, pur conservando il suo significato.

Secondo l'usanza odierna la domenica mattina un carro, chiamato affettuosamente "brindellone", viene trasportato da pittoreschi buoi infiocchettati da Porta al Prato fino al sagrato del Duomo, accompagnato lungo il percorso dal corteo storico e dagli sbandieratori. Ma l’evento non termina con la sfilata del brindellone, infatti, al culmine della cerimonia religiosa un razzo a forma di colomba, chiamato appunto "colombina", sfreccia dall'altare maggiore del Duomo fino al carro parcheggiato in piazza, dando così inizio all'esplosione dei fuochi d'artificio, per poi tornare indietro al punto di partenza.

Secondo la tradizione l'andata e il ritorno senza intoppi della colombina che accende la miccia al brindellone è segno di buon auspicio. L'ultima volta che "il ritorno" non ebbe buon esito, fu il 1966, anno in cui ci fu l'alluvione che travolse con particolare violenza Firenze, cittadini e patrimonio artistico. Oggi, la possibilità che la colombina si inceppi è stata quasi ridotta a zero dai progressi della tecnologia anche se a volte qualcosa può ancora andare storto.

Non perdetevi per nessuna ragione al mondo questo straordinario spettacolo che vi lascerà letteralmente senza parole!

Hai bisogno di altre informazioni?

Siamo a tua completa disposizione per fornirti maggiori informazioni sul brand Flo Apartments ed aiutarti a prenotare una location!

Contattaci subito

Sei un proprietario?

Mi occupo con cura e professionalità del tuo immobile di pregio che hai deciso di mettere a reddito, dall'acquisizione e promozione fino alla locazione a clientela selezionata.

Live da Firenze

Sentiti a casa anche lontano da casa. Qui puoi trovare tanti suggerimenti e informazioni pratiche ed insolite per scoprire al meglio la mia amata Firenze! Leggi i miei consigli e pianifica le tue vacanze in Toscana!

Lo Scoppio del Carro a Firenze per Pasqua

Il Lampredotto

I mercati di Firenze